venerdì 29 marzo 2013

venerdì 29 marzo 2013

Info post del venerdì....

Ciao a tutte,

ogni tanto scompaio, presa nel vortice degli impegni e anche la cosa più semplice, come passare a trovarvi o scrivere un post, diventa una cosa complicata.
In questi due giorni ho sempre avuto altro da fare, ma con in mente il progetto di darvi un'ulteriore dritta creativa.
Io lo so che molte di voi sono bravissime, ma ce ne sono tante come me che stanno imparando, che stanno facendo corsi o che trascorrono ogni minuto libero a spulciare il web, alla ricerca di tutorial che ci possano aiutare nel portare a termine i nostri progetti.

Oggi vi voglio postare questo video di Congabaeren, ve lo dico già... è in tedesco! Ma io l'ho guardato senza l'audio e mi è stato comunque di grandissimo aiuto.



Come potete vedere, quello che fa questa bravissima signora, è un astuccio, un porta trucchi, un borsellino, non so bene come chiamarlo e che uso potreste volerne fare.
A parte le stoffe che trovo stupefacenti, anche la tecnica è molto precisa e vista fare da lei pare pure facile.... pare soltanto eh!!!! 

Ammetto di non aver ancora provato, ma se questo fine settimana pasquale mi lascia qualche ora libera, non escludo di mettermici per poi farvi vedere cosa ne esce.


Ho deciso di mettervi anche questo video. Questo cestino è veramente semplice da realizzare e si presta a diversi usi. Ad esempio per contenere le uova di Pasqua colorate... gli ovetti di cioccolato.... caramelle, trucchi, saponette, pot pourri!!! Insomma quel che volete.

Spero che questi video vi tornino utili e vi piacciano come sono piaciuti a me!!!!

Buona Pasqua a tutte e un bacione alle amiche che mi seguono.

Ciao
Erika


martedì 26 marzo 2013

martedì 26 marzo 2013

Candy neck

Capisco la primavera tardiva, capisco anche la pioggia, ma la neve no dai, siamo seri! Stamattina invece apro la finestra e fioccava. Piccoli fiocchi aleggiavano nell'aria, fino a diventare grandi come noccioline....

Oggi ho bisogno di colore, ne approfitto per farvi vedere una collana fatta molto tempo fa, la Candy Neck.

Il nome ha due ragioni... le perle sembrano caramelle alla frutta, e porta il nome di una blogger amica che mi ha ispirata.


E' fatta interamente a mano e qualcuno di voi l'ha anche già vista nell'altro blog. Ho rubato l'idea delle maglie della catena "abbracciate" se non ricordo male, a Grazia di Magike Mani.


Le perle sono in plastica, multistrato e molticolore. Mi fa ridere la storia di queste perle.
Circa un paio di anni fa sono stata, come ogni anno, alla fiera Abilmente di Vicenza. Ho visto queste perle e mi sono piaciute subito. 
In quel momento avevo un'idea precisa di quello che volevo farne, ma ora che sono arrivata a casa, che le ho riposte e che ho pasticciato con altro, mi ero dimenticata il progetto iniziale.
Scandaloso, me ne rendo conto! La mia mente è labile come quella di una lavatrice.

Comunque, lasciate sostare per diversi mesi nelle scatole, ho deciso di utilizzarle per fare questa collana che a dirla tutta mi piace proprio tanto.


In queste giornate invernali (me ne frego di quel che dice il calendario, qui è pieno inverno) un po' di colore mi sembrava la cosa più appropriata.

Nonostante io vi stia propinando cose vecchiotte, sappiate che non sto con le mani in mano... sto procedendo col cucito, sabato sono andata avanti con due camicette che stavo facendo al corso (stasera le termino!) e ho fatto di sana pianta una canotta in teletta di cotone verde erba. Ve la farò vedere presto... insieme al resto.
In più ho dei progetti, ho preso del materiale. Ho una borsa in mente, delle trousse, dei porta gioielli e porta documenti..... tante troppe cose per il tempo che ho.
Una alla volta comunque.... ce la posso fare!

Ciaooo

Erika

lunedì 25 marzo 2013

lunedì 25 marzo 2013

Orecchini Gipsy

Mi capita, specialmente in estate, di sentirmi molto gipsy, forse è l'abbigliamento colorato, lungo e largo, forse è il vestirsi poco e in modo sobrio, per cui l'occhio deve essere attirato da qualcosa di vistoso.
Così sono nati, per la verità in pieno inverno, questa serie di orecchini a cerchio, che pendono ormai da tempo dalle orecchie di graziose fanciulle.

Il primo paio è fatto interamente a mano, lavorando il filo metallico di rame.
Accompagnato da perle in cristallo di Boemia e cristallo Swarovsky.

O6621

Il nodo dell'orefice, utilizzando un filo di rame molto sottile, è quello che si prestava meglio a questo paio di orecchini assolutamente estivi, anche se i colori non sono appariscenti.

O6621

Sono rimasti nascosti nella scatola di casa mia davvero poco, poi Barbara, un'amica di Treviso, li ha adottati con amore.

Il secondo paio invece è molto più easy. Colori classici come il nero e il color ematite in cristallo di Boemia, il trasparente aurora boreale sempre in cristallo di Boemia e poi una serie di perline in cristallo Swarovsky, li rendono delicati ed eleganti e forse anche un pochino invernali.
Come supporto ho utilizzato del filo armonico sottile e monachelle commerciali.

O6620

O6620

Il terso ed ultimo paio, e un orecchino che ho amato immediatamente.
Ho utilizzato come supporto lo stesso filo armonico degli orecchini sopra, accompagnato da perle in cristallo Swarovsky azzurro baby, dischi in vetro bianco pieno e una perla il vetro bianco latte.

O6625

Li trovo belli, chiccosi ed eleganti.

O6625

Ovviamente sulla stessa falsa-riga, ci si può sbizzarrire con qualsiasi colore, ed ora che siamo in primavera....ehm.... si non si direbbe ma siamo in primavera, possiamo osare con i colori e i materiali e rendere ogni nostro giorno divertente e colorato, o semplicemente elegante e sbarazzino.... a voi la scelta.

Oggi come vi sentite? Che colore ha la vostra anima?
Meglio che non vi dica che colore ha la mia va'..... :-D

Erika



venerdì 22 marzo 2013

venerdì 22 marzo 2013

Primo anniversario!


Domenica è un anno che sono sposata... così oggi ho deciso di rivangare le foto fatte per l'occasione alle mie splendide bomboniere!!!

Faccio una premessa perchè non tutte voi mi conoscete, io ho avuto per qualche anno un negozio di bomboniere e oggettistica da regalo, da qui, la ovvia scelta di farmele e non affidarmi a nessuno se non alle mie conoscenze. Chiedo scusa per le foto un po' scure, ma purtroppo non avevo una fotocamera adeguata e le giornate non erano poi così belle i giorni subito prima.

Abbiamo scelto di prendere gli ospiti per la gola!
Ma anche questa scelta ha la sua storia.... Io sono innamorata nel profondo della Toscana e di tutto quello che la rappresenta, in una delle mie vacanze ho scoperto a Castagneto Carducci, un delizioso negozio La Peperita. Mi ha incantata la vetrina e sono entrata con quello che allora era solo il mio compagno. Un mondo incantato di peperoncino, di tutti i tipi e di tutte le piccantezze, non abbiamo resistito e abbiamo assaggiato finchè la bocca non si è addormentata completamente. Abbiamo fatto acquisti e siamo tornati a casa felici.
Quando mesi dopo abbiamo deciso di sposarci, non abbiamo avuto dubbi e sfogliando il sito de La Peperita, abbiamo trovato queste deliziose marmellate. Il nome è tutto un programma "Concentrato d'amore", quale cosa migliore di questa?
A mio marito sembrava poco, o meglio, ha giustamente pensato che, una volta mangiato il contenuto del barattolo, sarebbero rimasti senza ricordo, per ci abbiamo scelto questi cucchiaini, scovati vagando nel Web.
La mia adorata amica Pink (Wedding Planner nel midollo!) mi ha insegnato che i migliori matrimoni, per quanto piccoli e contenuti, devono avere un tema e un colore. 
Presto detto, il tema è stato il peperoncino e il colore.... ROSSO!


Per queste marmellate abbiamo fatto un bigliettino contenente la descrizione del prodotto e l'uso, opera di mio marito. Fiocchettino  rosso e via!


Qui vista da più vicino!


Naturalmente anche la confezione doveva essere bianca e rossa e questa ha portato via diverso tempo.... le scatole infatti sono state disegnate, tagliate e piegate a mano da mio marito, che in quanto simil-grafico, si è occupato anche degli inviti, dei bigliettini da mettere nella bomboniera, dei biglietti di ringraziamento, mentre io mi sono occupata della parte pratica, ossia la confezione di confetti e scatole. E' stato amore folle, ve lo dico... ancora oggi a guardarle le adoro!


Questi qui sopra invece sono un altro tipo di prodotto, un patè di peperoncino, anch'esso accompagnato dal bigliettino e con fiocco giallo, questi facevano parte della bomboniera per genitori e testimoni che troverete più sotto! Il nome di questo concentrato di peperoncino è Patè EROTICO!!! Tutto un programma... ma vi giuro, è una libidine!


Ed ecco qui sotto la scatola bomboniera per i genitori e i testimoni. Un litro d'olio d'oliva biologico, la marmellata Concentrato d'amore, il patè di peperoncino Erotico e un preparato di basilico e peperoncino insaporitore per i sughi. Il tutto in una bellissima scatola rosso fuoco!


E questa è la confezione esterna delle bomboniere!!! 


Questi qui sotto invece sono i segna posti e non sono opera mia, ma della mia cara amica Claudia, la Pink di cui parlavo più su. Ovviamente la scatoletta è stata fatta a mano, riempita di confetti rossi e richiusa. Noi abbiamo solo aggiunto il bigliettino di ringraziamento. 


Qui pronti per essere consegnati al ristorante!


Non poteva mancare il Tableu ovviamente. Bianco e rosso e ogni tavolo ha il nome di un meraviglioso frutto rosso.

A questo punto.... poteva mancare la foto della sposa..... rigorosamente..... 


IN ROSSO???


Il particolare della scarpa era d'obbligo... il fiore blu che vedere è un regalo di Paola, di Perle e Vaniglia, meritava di essere fotografato!!!

Oggi vi ho tediato a sufficienza vero? Beh portate pazienza dai... un anno va festeggiato no?

Ultima comunicazione.... vi ho linkato tre siti: La peperita, il blog di Claudia e quello di Paola... vi consiglio di andare a spiare.... 

Ciao 

Erika
















giovedì 21 marzo 2013

giovedì 21 marzo 2013

Il cucito ti cambia....



blu grey

blu grey di verika74 

Da quando ad ottobre dello scorso anno, ho iniziato il corso di cucito, mano a mano che passavano le settimane e che imparavo i segreti più reconditi, anche il mio modo di vedere e guardare le cose è cambiato.
Sempre più spesso mi capita di prendere in mano un capo e guardare com'è fatto, come sono le cuciture o come sono attaccati i bottoni, sempre più spesso la mia testa parte con un pippone involontario e fuori controllo, della serie "Ah ok, questa cosa è fatta così e così, poi l'hanno piegata qui e cucita qui. Hanno rovesciato il tessuto dritto con dritto, imbastito... ecc ecc!".



Ora praticamente accade sempre, tutte le volte che vedo o che prendo in mano qualcosa. A volte è anche un tormento perchè non sempre capisco come son fatte le cose ovviamente.
E la maggior parte delle volte non saprei riprodurle, ma alcune volte si e infatti ho diversi progetti in mente, scopiazzati dalle riviste di moda (che leggo dal parrucchiere) o da Polyvore.
Chi di voi non conosce Polyvore sappia che crea dipendenza! Io vi ho avvisate!

Oggi vi lascio così, con queste foto e qualche idea.... vediamo cosa riesco a fare!

Ciao Erika

martedì 19 marzo 2013

martedì 19 marzo 2013

Anche sbagliando s'impara:C7055

Ancora paste polimeriche... questa volta un po' di colore, anche se l'oggetto è sempre una collana lunga.

Mi sono avventurata spesso nel mondo delle cane, ma devo essere onesta, non è che mi siano sempre venute bene, poi ho fatto degli errori in buona fede, pensando di ottenere un risultato invece di un altro.

Lo so che la maggior parte delle creative parlano della riuscita delle loro creazioni, ma a me piace anche raccontare delle difficoltà e degli errori. Spero sempre di trovare qualcuno che mi possa indirizzare sulla giusta via, che possa dirmi "Hai sbagliato qui e perchè non succeda più devi fare così!".


La storia di queste perle è un po' uguale a tutte le altre, andavo per tentativi, seguendo un video su Youtube, non so nemmeno di chi. Ma sapete cosa recita il detto no? Tra il dire e il fare... c'è di mezzo il mare!
Quindi ho provato e la cane, devo dire, non è venuta come volevo.
Per la teoria di "qui non si butta niente" citata ieri, l'ho utilizzata lo stesso, applicando le fettine di cane sugli scarti di pasta.
Subito sembravano venire bene, anche se la cane non era perfetta, solo che una volta cotte il risultato è stato piuttosto bruttarello.... e le perle hanno perso tutto il contrasto.


Quello che non ho capito evidentemente, è perchè in alcuni video vedo utilizzare gli scarti di pasta per fare l'anima delle perle, ma una volta applicate le fettine di cane (fatte con la pasta traslucida) non traspare il colore sotto, mentre a me si!!!!
Ho fatto queste perle, di due misure e forme. Tonda schiacciata e tonda normale. Una volta cotte non mi piacevano affatto e le ho messe in una scatola.
Poi qualche settimana fa mi sono decisa e ho pensato che anche se erano bruttine, avrei potuto farne comunque qualcosa.
Ho l'abitudine di fare sempre perle dispari perchè adoro le collane e quindi faccio in modo di suddividere la catena intervallata dalle perle e che una di esse mi ricada al centro.


Utilizzando la mia adorata catena rolò argentata, delle perle in vetro cerato blue delle perline in vetro azzurro molto chiaro, sono riuscita ad accompagnare queste perlozze in pasta polimerica e devo dire che nel complesso la collana ha il suo perchè. Insomma mi piace molto.
Un'ugual versione l'ho fatta con le perle tonde, utilizzando la stessa catena e gli stessi colori.

Le perle in pasta polimerica, dovrebbero riportare un fiore arancio con centro blu, un petalo frastagliato con dei segmenti colorati, ma non si notano molto proprio per il problema dell'anima della perla, che ho fatto appunto con la pasta di scarto......

Ho ancora molto da lavorare, me ne rendo conto.....

Ciao a tutte.

Erika

lunedì 18 marzo 2013

lunedì 18 marzo 2013

Non si butta niente: C7060

Guardando fuori dalla finestra stamattina ho pensato subito al Natale... non sta nevicando no, ma pare di essere a novembre inoltrato!!
Freddo pungente, pioggia battente e montagne anche relativamente basse completamente innevate.
Ma che la primavera si sia dimenticata di noi? Temo di si!

Torno a parlarvi di Paste polimeriche, io non ho niente da insegnare a nessuno, ho solo da imparare, questo è certo, ma ogni tanto mi diletto e pasticcio, proprio come quando era piccina e impastavo col Dash, chi se lo ricorda?

Capita, lavorando con le paste polimeriche, di fare molti scarti, chi le usa lo sa molto meglio di me. La cosa bella di queste paste è che non si butta nulla!

Tutto va re impastato formando altri colori, oppure la pasta "stana" quella che non ha un colore propriamente decente, la si usa come anima delle perle, che poi va ricoperta con le famose fettine di cane.

Ovviamente non vi voglio parlare di questo oggi, ma del fatto che ho fatto una cane a righe, veramente elementare, e che non avendola usata tutta, ho deciso di tagliarla in parallelepipedi disuguali e farne una collana rock!



Oddio, a me pare rock, perchè anche se sono molto caciara ho l'anima romantica da fiori e cuori, da rosa e colori pastello.
A dire il vero molte delle mie creazioni hanno il nero, il bianco e il grigio. Il motivo è semplice, sono i più facili da abbinare e a dirla tutta quelle che van via di più.


Questa collana non fa eccezione, è tra le ultime fatte (e che finalmente ieri sera sono riuscita a fotografare).
A parte i cubetti juventini, ho utilizzato dei cristalli di Boemia di colore pieno, neri e bianchi, dei fiori in argentone anticato e degli anelli chiusi e ritorti color argento, presi davvero tanto tempo fa e che ogni tanto mi tornano utili per fare queste cose.


La collana è abbastanza classica per le mie produzioni: collana lunga circa 30/32 cm da chiusa, senza chiusura, leggera e sportiva.


Niente di innovativo, me ne rendo conto, ma non è l'innovazione che volevo portare a galla con questa collana, ma l'uso totale delle paste, che detta tra noi non è che costino proprio poco, quindi una volta mescolati i colori, una volta fatta una cane, che a volte vien pure male.... ci si deve ingegnare per utilizzare tutto e non gettare nulla.

Beh certo, so di essere molto lontana dalle produzioni di artiste veramente ma veramente brave, ma nel mio piccolo cerco di impegnarmi, poi ora che ho preso il nuovo etrusore....si salvi chi può!!!

Buon lunedì ragazze.... e chissà che esca un po' di sole!

Erika

venerdì 15 marzo 2013

venerdì 15 marzo 2013

I sogni son desideri....

Credo senza dubbio alcuno, che sia il desiderio principale di ogni creativa che si rispetti....

LA CRAFT  ROOM!

E' il mio sogno da una vita.
Un angolo organizzato e ordinato (ahahahahahah vabbè dai, scherzavo!) dove poter fare tutte le cose che ho in mente di fare.

Quando abitavo col mio ex, avevamo una camera in più che io avevo malamente organizzato perchè piena di mobili vecchi e altre cose che sarebbero state da buttare, però era un angolino tutto mio che io incasinavo a dovere senza sentirmi minimamente in colpa.


Una volta passata nella casa attuale, ho dovuto condividere la cameretta (minuscola) col disordinato cronico di mio marito, col suo angolo computer, con l'asse da stiro, con un armadione pieno di cianfrusaglie (mie!).
Ma sono riuscita a ricavarmi un angolo per le perle con tanto di mensole e un mobiletto.
Ho poi utilizzato delle scatole trasparenti per buttare dentro tutto quello che non mi serve sempre, ma siamo davvero lontani anni luce da queste splendide foto (prese dal WEB).


Ora sono in procinto di cambiare nuovamente casa, purtroppo dove vivo hanno intenzione di vendere per cui ad agosto devo trasferirmi.
Da un paio di giorni giriamo come matti a vedere appartamenti, ne ho visti di davvero molto belli e ogni volta che entro nella seconda camera... io la vedo.... la mia craft room.
Le pareti colorate, il tavolone per il cucito, la scrivania per le perle, mensole e mobiletti.....


Dovrò comunque condividerla con mio marito, visto che è l'unica camera in più, con l'asse da stiro, ma vorrei organizzarla meglio di quella attuale. Magari fare le pareti colorate, organizzare un tavolo per tagliare le stoffe e cucire.
Serve spazio, quello è vero... e lo spazio costa.

Voi avete la vostra stanza delle meraviglie? Come l'avete organizzata?

Ovviamente se dovessi mai avere la mia craft room, sarete le prime a saperlo! 

Ciao a tutte e buon week end.

Erika


giovedì 14 marzo 2013

giovedì 14 marzo 2013

Bracciale Psichedelico B3380V

Molto molto tempo fa, ho acquistato una catena particolare, mi piaceva moltissimo il movimento che aveva, il fatto che fosse vistosa ma leggera.
Una volta a casa mi sono resa conto che come collana veniva un po' impegnativa e mi sono messa a giocare con le perle, cercando abbinamenti che mi piacessero.

Ne è nato un bracciale con le perle rosso fuoco che subito è andato al polso di Silvia, la figlia di un'amica di Milano.

Successivamente, per ricreare la suggestione, ne ho fatto un secondo, stavolta con le perle Occhi di Gatto verde lime.


Ho usato perle di due misure, la cui particolarità sono i riflessi alla luce.
Quasi mobili, quasi vive.



Anche i diversi cerchi concentrici, concatenati e confusi, danno a questo bracciale molto movimento. Indossato è incantevole, leggero ed elegante.


Una creazione un po' datata, ma mi credete se vi dico che le nuove non sono ancora riuscita a fotografarle?
Pare incredibile, ma il tempo non da tregua, non ho la luce adatta, e in più sono perennemente di corsa per qualcosa.... Arrivo a casa la sera per ripartire subito dopo alla volta di qualche altro impegno.... non ci si può credere.

Stamattina poi è praticamente inverno, vento gelido, pioggia e neve appena più su sui monti....

Ma quando arriva sta primavera????

Ciaoo
Erika



martedì 12 marzo 2013

martedì 12 marzo 2013

Un po' di primavera...

Niente da fare, quest'anno la primavera si fa attendere, pare infatti che fino a fine settimana piova un po' ovunque e dalle mie parti hanno anche messo neve sopra i 500 mt.

Insomma, siamo un po' tutti stanchi di questo tempaccio e attendiamo un po' di tepore, dopo un inverno freddo e pieno di neve.

Ma non ci perdiamo d'animo, arriverà, di sicuro.

Nel pieno dell'autunno ho creato una serie di bijoux praticamente primaverili, pieni colori e di fiori e oggi vi voglio presentare (per chi già non li ha visti) questi orecchini, fatti col mio colore preferito... l'azzurro.


Una cascata di cristalli di Boemia da 6, un pendente in metallo nichel free, monachelle fatte a mano e un fiore, un fiore piccolo e ciciottoso fatto con le paste sintetiche.


Si perchè io vado davvero a periodi.
Ci sono settimane in cui non prendo in mano nemmeno una pinza, come ora che mi dedico principalmente al cucito, periodi che pasticcio con le paste polimeriche da dove nascono poi ste cosette.
E poi c'è il periodo in cui mi dedico solo alle perle, alle catene, al filo con la tecnica Wire Wraping (non ricordo se si scrive così... chiedo venia).



Cerco davvero di assecondare la mia creatività, anche se la mancanza di tempo e la stanchezza (e chi come me è creativa, ma sta fuori casa moltissime ore) non mi danno modo di accontentarla sempre.

Questi orecchini fanno parte di una gamma di articoli che definirei simpatici e colorati, magari mano a mano che passa il tempo e si avvicina la primavera, ve li faccio vedere....

Per ora non posso che augurarvi un buon seguito di settimana.

CIAOOO
Erika


lunedì 11 marzo 2013

lunedì 11 marzo 2013

Bottino da Abilmente

Eh si venerdì vi ho abbandonate per altri lidi... 
Per noi creative una fiera è un momento di pura libidine, perchè una creativa guarda tutto, ama tutto e le interessa tutto. 
Sotto una pioggia novembrina, nonostante siamo a marzo, sono arrivata con fatica alla fiera di Vicenza, il traffico era indescrivibile e onestamente non pensavo di trovare tanta gente, ma tant'è. Ho parcheggiato in culo ai lupi e ho raggiunto la fiera a piedi e senza ombrello.

Il primo padiglione mi ha preso la gola, Cake Design, dove ho scattato foto di torte bellissime, ve ne metto una, tanto per farvi un'idea.


Poi ho iniziato il mio giro e questa bustina qui sotto (più un altro piccolo acquisto che vi mostrerò una volta montato) è l'unica cosa che ho acquistato per quel che riguarda i bijoux.
Nessuna grossa novità ed è vero che vedere e toccare con mano è diverso che acquistare su internet, ma se sono anni che lo fai, sai anche cosa acquistare. Non ho trovato, onestamente, queste grandi occasioni in fiera, come ogni anno.
Ho guardato distrattamente questi stand di perle e cristalli, amandoli sempre molto e molto profondamente, ma avendo per l'appunto gli agganci sul web, ho preferito dedicarmi ad altro.


Eh si... ai tessuti, al materiale per cucino.
Non ho acquistato stoffe, le ho solo guardate. La maggior parte degli stand vendevano cotone americano a prezzi non esattamente economici. Bellissime stoffe, davvero belle. Kit per cucire animali di pezza, quadrati pre tagliati per fare quelle meravigliose coperte patch work, tessuti per arredamento. 
E poi macchine da cucire di tutte le marche e libri.


L'unica occasione che ho trovato e che non mi sono lasciata sfuggire, è questo estrusore. Su internet lo trovo sui 29/30 euro e in fiera lo vendevano a 24, per cui, anche se non era nei piani, ho deciso di acquistarlo. Ce l'ho un estrusore a dire il vero, ma per far uscire la pasta devo chiedere la forza bruta di mio marito e una pinza da idraulico tanto è duro. Quindi da mesi guardavo questo, con l'intenzione di acquistarlo... finalmente mi sono decisa.
Non che io lavori molto con le paste polimeriche ora, ma c'è bisogno di materiale decente per lavorarci, così ne ho approfittato.


Ma il vero acquisto folle (per il prezzo!) è stato queesto qui sotto.
Qualcuna di voi magari intuisce cos'è, per le altre... ve lo dico io: è un bordatore!
Ossia, questo oggettino, brevettato dalla ditta da cui l'ho acquistato, serve a cucire gli spiechi da 2 cm sul bordo dei tessuti.
Non vi dico le parolacce che ho dovuto dire per farlo funzionare, mica per colpa sua eh, ma perchè sono impedita io!
Tanto più che una volta a casa mi sono resa conto che nella mia macchina non andava bene, nonostante io avessi chiesto ampiamente se fosse universale. Dicono di si per vendere, ma poi di fatto sulla mia macchina non andava bene.
Così mi sono armata di pazienza e sono andata direttamente alla ditta, che per fortuna non è poi così irraggiungibile da dove abito io, e mi sono fatta fare le dovute modifiche per farlo andare, giusto per non buttare i soldi.


Così ieri pomeriggio ho provato e, onestamente, porcato abbastanza, anche se alla fine una cosetta l'ho fatta, anche se tutto si può dire fuorchè che sia venuta bene.....
Migliorerò, ne sono certa.

Oltre a queste cose, ho acquistato anche dello sbieco colorato... solo cheeeee l'ho usato prima di fare le foto.... :-D!!!

Auguro a tutte una settimana creativa... una buona settimana... una settimana piena di sole, anche se han messo pioggia in tutta Italia!!!

Ciao
Erika

mercoledì 6 marzo 2013

mercoledì 6 marzo 2013

Confezione

Ho ripreso il corso di cucito, che per questa seconda parte si chiama Confezione. Altro non è che un consolidare di quello che abbiamo imparato nel primo corso.
Non ero certa di volerlo fare a dire il vero, tanto è vero che a fine gennaio non avevo dato conferma, ma eravamo rimaste d'accordo, io e Rosita, l'insegnante, che mi avrebbe eventualmente chiamata per capire se sarei andata o meno.

Convinta dall'estrema soddisfazione e dalle insistenze di mia mamma, ho deciso quindi di farlo, ma Rosita non si è più fatta viva.
Non mi sono persa d'animo e l'ho chiamata per capire cosa aveva intenzione di fare. 
Detto fatto, lunedì l'ho chiamata e ieri sera ho ripreso.

Per questo corso ci ha dato il librone della Marfy, quello con tutti i modelli, qui sotto vi metto delle foto.



Ieri sera quindi ho iniziato una camicia, non ho fatto foto ieri sera, me ne sono dimenticata, ma non mancherò la prossima settimana.
Quello che mi ha infastidito ieri sera è una cosa che vi voglio raccontare, mi piacerebbe sapere il vostro parere al riguardo.


Al corso siamo in 8, di cui 6 sono al primo corso e in due siamo al secondo. Io e una ragazza di colore.
Premetto che penso di essere una persona molto disponibile e molto generosa, ma non mi piace la gente che ne approfitti.


Io inizio a disegnare la mia camicia, segno taglio, punto, insomma vado avanti con le mie cose.
Lei mi domanda di prestarle la forbice... e io gliela do.
Poi mi chiede gli spilli... poi il gesso per segnare la stoffa, poi il metro per fare una misura, poi la gomma da cancellare.
Ora... non è un problema se usi la mia roba, purchè io non debba passare metà del corso ad aspettare che tu finisca di fare le tue cose.
Arriva che deve iniziare a cucire il suo abito (arancione fluo!), prende la macchina di Rosita (l'insegnante) e le chiede il filo.... 
Rosita la guarda stranita e le fa notare che lei porta le macchine nel caso qualcuno sia sprovvisto, ma che non ha fili per tutte e di tutti i colori, che siamo noi a doverli portare, tanto più che un arancione fluo non è proprio un colore normale.
Lei si volta dalla mia parte e mi dice "Tu hai filo per me? anche bianco va bene!".
Caso vuole che non ce l'avessi, la mia camicia è blu notte, per cui avevo fili scuri e basta. Le dico di no, che mi spiace. Lei chiude la macchina un po' scazzata e si prepara per andare via.

Ora... io sono anche generosa, ma mi auguro non pensi che le finanzierò tutto il corso!!!!
Voglio dire, ti iscrivi, non è il primo che fai, sai come funziona. 
Ovvio che non è per lo spillo o per il gesso. E' proprio questione di comodità, se mi serve tagliare io devo avere la mia forbice, me la sono comperata e la devo poter usare. Non posso ogni volta aspettare che tu la usi.
Poi sta cosa del filo mi ha sconvolta. Vieni con la stoffa ma non porti il filo? E chi doveva portarlo per te scusa? 
Se capita una sera che ti dimentichi le cose, va bene, non è un problema. E' capitato anche a me, solo che io abito a 2 minuti e torno a casa a prenderle, ma se la sua è un'abitudine, e da quello che ho capito lo è... non mi sta più bene.
Perchè come io ho speso 3.50 per tre gessi colorati e uno bianco.... credo li possa spendere pure lei. Come io ho speso soldi per la forbice (e nemmeno pochi) penso anche lei se la possa permettere, altrimenti perchè fare sto corso?

Sono io che sono troppo cattiva e polemica?

Mah

Ciao
Erika



lunedì 4 marzo 2013

lunedì 4 marzo 2013

Amelia C6870

Ieri vi ho abbandonate ma sono giustificata, giuro!
Nel fine settimana ci sono stati un paio di eventi... uno era la cena organizzata e offerta dal ristorante dove ci siamo sposati, l'altro era il compleanno di mio marito, per cui il week end è stato dedicato alle pulizie di casa e ai preparativi per la festa che abbiamo fatto domenica e che è andata piuttosto bene.

Però, ho tante di quelle cose da farvi vedere... cose fatte molto molto tempo fa, ma che non ho postato qui.
Una di queste è la collana che vedete qui sotto in foto.
Le perle sono fatte a mano in pasta polimerica, distanti anni luce dalla perfezione che si vede nel web, ma nell'insieme è venuta una bellissima collana lunga e un po' rock!


Le perle fatte a mano, sono state accompagnate da perle in metallo color argento, donuts piccini neri in vetro satinato e degli splendidi bicono in vetro satinato nero che mi sono stati regalati un sacco di tempo fa e che, come spesso succede, cercavano solo la loro collocazione.


La collana è abbastanza lunga, sui 35 cm da chiusa. Bellissima se portata con abiti neri, bianchi o grigi. Tre colori chic ma la collana da un po' di movimento.


non è l'unica che ho fatto in queste tonalità e con questi giochi di fiori e righe, ma le altre ve le mostrerò strada facendo....

Noto che molte creative danno alle loro creazioni un nome che le distingua dalle altre, magari anche un codice. Io ci ho provato e non è che la fantasia mi manchi, ma poi avevo difficoltà a ordinarle nelle foto, quindi ho cambiato sistema e gli articoli altro non sono che il numero della foto.... in questo modo riesco a fare una ricerca più rapida, anche se alla fine si perde la poesia a dar loro solo un numero.... così ho deciso di chiamare questa collana AMELIA... senza nessun particolare motivo. E' il primo nome che m'è venuto in mente.... ahahahahah!

Ok, per oggi mi sono fatta viva e ho anche fatto un giretto dalle vostre parti.
Questo fine settimana mi aspetta l'evento che aspetto da tutto l'anno.... la fiera ABILMENTE, per cui state sintonizzate che sicuramente verrò a casa con chissà quali novità in testa!!
Ahahahaah!

Ciaooo
Erika




 

Preziosi Bijoux Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | Ugg Boots Sale | web hosting